De religione

Nel senso latino di vox media, s’intende, così siete a posto tutti.

Dunque. Ho aspettato un po’ a scrivere questo post e ho anche chiesto un parere prima, dato che i benpensanti ortodossi da una parte e i paladini del libero pensiero dall’altra la prenderanno male. I primi perché penseranno che sia blasfema (ma se mi va bene forse anche no), i secondi perché penseranno che voglio zittirli (ehi, strano come i P.L.P. pensino a quello piuttosto che pensare ‘bah, ha un’idea diversa dalla nostra’, come il loro statuto dovrebbe farli pensare).

Però ad un certo bel momento son pure fatti loro.
So. Adesso vi spiego, in 5 minuti netti (*agne controlla l’orologio: ore 22:36. Vai, ce la faccio*) perché mai non mi vanno giù le pagine che prendono allegramente per i fondelli qualsivoglia religione (rivelata o meno).

Vedete, io credo in Dio. E in questo, mi sembra di essere assolutamente in pace con la mia coscienza, con le leggi del mio Paese e con la Carta dei diritti dell’uomo: non uccido in nome di Dio, non obbligo/impongo/comando in Suo nome, non indottrino, non indico crociate contro gli atei… nulla. Al massimo dico ‘Ehi, io sono felice per questo e quello: guardate, ve lo spiego, vi dico chi è Gesù Cristo, poi se voi volete crederci, ehi, festa! Sennò ti rispetto e ti amo al di là delle tue idee.’ Cosa che, guarda un po’, è stato Gesù a dirci.

E insomma, credo che questo sia ragionevole: io ho una convinzione, la diffondo e ne parlo perché mi sembra bello che la gente conosca quel Dio e quella Storia che io ritengo così belle, e basta così, direi.

E invece no.
Sapete cos’è la cosa che NON farei MAI, MAI, nemmeno se fossi l’ateo più intransigente? Aprire una pagina su fb o su qualsiasi social network con la scritta ‘se siete credenti non entrate’ o dall’ispirante titolo ‘It’s ok to be blasphem’ e cose di questo genere.
Perché non è OK, essere blasfemo.
In una particolare accezione del termine, s’intende (FRENA, P.L.P., frena che ho appena iniziato): ovvero, quando OFFENDI la mia religione. Tu, adoratissimo ateo, puoi dirmi che secondo te la mia religione è una favoletta. E chi te lo nega? Però mi va bene se dici così e stop. Se cominci a farmi immaginette del cazzo dove il mio Dio (e non solo il mio, questo è essenziale! Qualsiasi dio!) diventa un personaggio dei fumetti messo in ridicolo, ad un bel momento mi girano anche i 5 minuti.

Perché, caro blasfemo, quello che tu ridicolizzi è quello su cui un altro fonda un’intera esistenza. E non venirmi a dire ‘ehi, ma quello in nome di quel presunto dio mi va ad ammazzare gente’ perché è una cosa che non regge, l’ho già scartata prima, come ipotesi.

(22:45. Damn. Scorcia, Agne, scorcia.)

Quello che voglio dire è: non è blasfemo de Andrè quando canta ‘Non intendo cantare la gloria nè invocare la grazia o il perdono di chi penso non fu altri che un uomo’ (ehi, ha detto ‘penso’! IO, io Fabrizio, penso. NON ‘di chi non è altro che uomo’), nè Jesus Christ Superstar quando la folla canta ‘Ehi, J.C., jeeeei siiiiii’ eccetera.
Ma è blasfema (e insopportabile e inaccettabile) la bestemmia, la vignetta che ridicolizza e offende.

Nonna diceva ‘scherza coi fanti e lascia stare i santi‘. E io sono precisamente d’accordo: perché non possiamo ridere e far ridere senza che nessuno si senta offeso? E badate bene, offeso in senso grave, cum mica salis: offeso profondamente e nei sentimenti e convinzioni più profonde. Non offeso perché mi hai detto che ho il naso grosso.

Poi, fate come volete. Ma ci sono arrivati i regolamenti dei forum e dei GDR, non vedo perché non dobbiate arrivarci voi.

mode: hopeful 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

10 risposte a De religione

  1. uttola ha detto:

    Le cose prima o poi miglioreranno nel senso giusto, io ci credo :*

    • agnehalf ha detto:

      Utti’s adorable ❤

      • Fabio ha detto:

        E’ certo che miglioreranno Utti…prima o poi arriverà la Fine dei Tempi…
        Ciao Agne mi chiamo Fabio e ho trovato il blog seguendo un tuo recente commento su quello di Silvia..ho letto quei 50 posts e poi ho deciso di lasciare un commentino. Condivido tutto quello che scrivi ma ritengo anche che dalla società moderna e ormai totalmente profana non ci si possa aspettare tanto di piu…pare che dovesse andare cosi 🙂

      • agnehalf ha detto:

        Cao Fabio e ben arrivato!
        Spero di non averti annoiato a morte xD
        Ti dò ragione, ma il punto non è tanto essere profani (come contrario di sacro, intendo) o meno, il punto è essere rispettosi. E questo possono esserlo tutti, credenti o no.
        O almeno si spera…
        E io fa questa società lo pretendo, non solo lo aspetto!
        A presto 🙂

  2. medusanoir ha detto:

    Faccio l’alternativa e commento qui. No, non è vero: è che finalmente commento un post su questo… sito di blog? Oddio, io e la tecnologia.
    Comunque. Sono d’accordo con te. Ecco, io ero una di quelle che, quando ha scoperto che ehi, potrei non credere in Dio, bestemmiava tranquillamente per la strada. Che schifo. Volevo continuare la frase, ma non potevo non dire “Che schifo”. La frase, ad ogni modo, sarebbe continuata con “ora, invece, basta che qualcuno faccia un’affermazione blasfema nei confronti di qualsiasi religione a darmi fastidio”. Stessa cosa con le immagini: amando Goku, mi viene spontaneo sorridere per ogni suo “Epic win” (chiamiamolo così), ma non riesco se la vignetta è “Numero di resurrezioni: Goku vs Gesù”.
    Non ho ancora capito se io sia credente o no, né intendo farlo, non mi importa; credo in Gesù come uomo, ma non perché non lo ritengo il figlio di Dio, semplicemente perché nell’uno e nell’altro caso lo stimerei lo stesso. Per cui non mi va di perdere tempo a farmi domande a cui non troverò una risposta.
    C’è gente, però, e molta, che crede fermamente in un Dio, non importa di quale religione, e allora perché “scassare loro i cosidetti”? Perché prenderli in giro per qualcosa in cui credono? Io mi arrabbio se “nel nome del Signore” si compiono atti “nel nome di se stessi”, e mi sembra giusto, perché è blasfemia anche questa. Però ridere su vignette o quanto altro…
    Mi sa che sto uscendo fuori tema. Colpa della foto che hai messo, maledetta!

  3. Liutprando dixit ha detto:

    Mio nonno dice la stessa identica cosa /0/
    Ma comunque, al di là di tutto: è mia ferma e irremovibile convinzione che Dio abbia un gran senso dell’umorismo. I religiosi, generalmente, di meno.
    Quando io condanno la blasfemia non lo faccio per rispetto a Dio – che tanto, guardiamo in faccia la realtà – se ne frega alla grande se Quisquilino dice X o Cespiolino dice Y, lo faccio per rispetto a miliardi – perché parlo di tutte le religioni – di credenti (che finché la credente sono io, che faccio ironia anche su morte e malattia, sai che sarà. Ma quando è mia nonna che ha un’età e un’educazione per cui non può essere condannata da nessuno, ecco, quello mi infastidisce. Nessuno può esimersi dall’essere figlio del suo tempo. O quasi).

    Bon, il punto è per dire: bel post. Lo sottoscrivo in pieno /0/
    Volevo solo argomentare x’D

  4. Fabio ha detto:

    Ma che annoiato, figurati! Scrivi molto bene, si vede che ti piace, sei ironica e divertente.
    Mi sa che aspetteremo a lungo tante cose da “questa società” 🙂
    A presto. F.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...