La foLa ed La SiRa

Oggi ha piovuto parecchio. Se si esce si sente l’odore di terra bagnata e il ticchettio delle gocce d’acqua che cadono dagli alberi sulle foglie cadute. Un uccellino saltella tra i rami, arruffa le penne e scuote il capino per liberarsi dall’acqua, poi vola via a nascondersi nel bosco. Il vento ha smesso di soffiare poco fa. Le ombre della notte arrivano guardiani silenziosi alle porte delle case. La luna si affaccia nel cielo.

 

Un padre stanco dopo una lunga giornata di lavoro tiene in braccio la sua bimba seduto vicino al camino. La piccola si nasconde tra le pieghe del maglione del suo papà e si stringe nella stretta di braccia sicure. Una voce, nella sera, inizia a cantare.

 

Quèsta chè l’è la fòla ed la sira, per salutèret e per fèret durmir,
L’è la nenia di òcc quand ìss serèn, quand a ghè scur e al dè l’è finii.
Al veint al sòpia in dì èlber,  al pètna i camp e l’erba in di prèe
E la fòla la gira e la souna, in totti al cà, per tott i puteìn.

 

Finchè c’era la luce, durante il giorno, hai distinto i colori; ma adesso viene il buio, e tutto si colora di una tinta sola…

 

Al vèrd l’è al culòr dal lusèrtli, al blò l’è al cèl ca se specia in di fos,
al ros
l’è al culòr dal falèstri, ch’ii sèlten fòra a balèr in dal fògh.
Al
zal
l’è al furmèin in campagna, in d’la stagiòun dal chèld e dal sòl
e la nenia la finès cun al négher, cl’è al piò bròtt, l’è al culòr ed la nòt.

 

Vedi, è venuta la sera. Non c’è più nessuno per strada, non ci sentono più rumori: è arrivato il momento di raccontarsi le fiabe davanti al camino. Il sole si è nascosto, il vento ha smesso di soffiare e la luna è venuta a trovarsi, perché è ora di andare a dormire, eh? Cosa dici? Dai, ti porto nel tuo lettino…

 

T’en vàd cl’è gnuda la sira, c’an ghè piò ginta e c’an s’sèint piò rumòr?
L’è al mumèint ed cuntères dal fòli, e stèr a sèder chè asvèin al fògh.
Al sòl l’è andèe a lughères, al vèint l’à sméss ed supièr,
La lòna l’è gnuda a catères, perchè l’è òra d’andèr a durmir.

 

La piccola si agita, non vuole lasciare il papà, piange e non vuole che si spenga la luce, dice che farà brutti sogni…

Ma il papà è sempre qui, e caccerà via i fantasmi, e gli spiritelli cattivi… farai solo dei bei sogni, te lo prometto, e io veglierò su di te…

                                         

Dòrem e brisa zighèr se t’fe di sogn chi’t fàn agitèr,
che mè a sùn chè e a stàg sèimper svèli, a sparir via tòtt i fulètt…
A t’gnarò luntàn i lèder e i brigànt, i bròtt pinser e i spìrit catìv,
a farò rivèr sol di be sogn, qui d’òr brilant e qui ed ver argint


T’en vàd cl’è gnuda la sira, c’an ghè piò ginta e c’an s’sèint piò rumòr
L’è al mumèint ed cuntères dal fòli e stèr a sèder chè asvèin al fògh.
Al sòl l’è andèe a lughères, al vèint l’à sméss ed supièr
La lòna l’è gnuda a catères, perchè l’è òra d’andèr a durmir
Perchè l’è òra d’andèr a durmir…

 

Questa qui è la fiaba della sera, per salutarti e farti addormentare.
E’ la nenia degli occhi che si chiudono, quando c’è scuro e il giorno è finito.
Il vento soffia tra gli alberi, pettina i campi e l’erba nei prati
e la fiaba va in giro e suona in tutte le case e per tutti i bambini.
Il verde è il colore delle lucertole, il blu è il cielo che si specchia nei fossi,
il rosso è il colore delle faville, che saltano fuori a ballare nel fuoco…
Il giallo è il frumento in campagna nella stagione del caldo e del sole
E la nenia finisce con il nero, che è il più brutto, è il colore della notte.
Non vedi che è scesa la sera, che non c’è più gente e che non si sente più rumore?
E’ il momento di raccontarsi delle fiabe e di star seduti qui vicino al fuoco.
Il sole è andato a nascondersi, il vento ha smesso di soffiare,
la luna è venuta a trovarci perchè è ora di andare a dormire.
Dormi e non piangere, se fai dei sogni che ti agitano,
perchè io son qui a star sempre sveglio a scacciare tutti i folletti.
Ti terrò lontani i ladri e i briganti, i brutti pensieri e gli spiriti cattivi,
Ti farò arrivare solo dei bei sogni, quelli di oro brillante e quelli di vero argento.
Non vedi che è scesa la sera, che non c’è più gente e che non si sente più rumore?
E’ il momento di raccontarsi delle fiabe e di star seduti qui vicino al fuoco.
Il sole è andato a nascondersi, il vento ha smesso di soffiare,
la luna è venuta a trovarci perchè è ora di andare a dormire,
perchè è ora di andare a dormire.

Grazie a Giovanni Rubbiani che ha scritto questa bellissima ninnananna in dialetto modenese e ai MCR

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Musica. Contrassegna il permalink.

Una risposta a La foLa ed La SiRa

  1. LaRa ha detto:

    Ogni volta che la sento mi viene in mente la sensazione di quando da piccola stavo per addormentarmi….grazie MCR!
     
    Zeta come zucchero per il bimbo mio
    zucchero è il bene che ti voglio io…
     
    LaRa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...