PuLeNta e GaLeNa fReGia

Pulènta e galèna frègia

e un fantasma in söe la veranda

barbèra cume’ petròli

e anca la löena me paar che sbanda…

cadrèga che fa frecàss

e buca vèrta che diis nagòtt

dumà la radio sgraffigna l’aria

e i pensee fànn un gran casòtt….

 

L’è mea vèra che nel silenzio

dorma dumà la malincunìa

l’è mea vèra che un tuscanèll

l’è mea bòn de fa una puesìa

in questa stanza senza urelògg

bàla la fata e bàla la stria

in questu siit senza la lüüs

che diis tücoos l’è duma’ l’umbrìa….

 

E scùlta el veent che pìca la pòrta

cun in cràpa una nìgula e in bràsc una sporta

el diis che g’ha deent un bel regàal

me sa che l’è el sòlito tempuraal….

Scùlta i spiriti e scùlta i fulètt

ranpèghen söel müür e sòlten föe di cassètt

g’hann söe i vestii de quand sèri penènn

i ne vànn e i ne vègnen cun’t el büceer del vènn…

 

E la candela la sta mai ferma

e la se möev cumè la memoria

anca el ràgn söe la balaüstra

ricàma el quadru de la sua storia

la ragnatela di mè pensèe

la ciàpa tütt quèll che rüva scià

ma tanti voolt la g’ha troppi böcc

e l’è tüta de rammendà….

 

La finestra la sbàtt i all,

ma la sà che po’ mea na’ via

e i stèll g’hann la facia lüstra

cumè i öcc de la nustalgìa

in questa stanza senza nissöen,

vàrdi luntàn e se vedi in facia

in questa stanza de un òltru teemp,

i mè fantasmi i làssen la traccia…..

 

Ho sempre considerato questa canzone una stupenda poesia oltre che un ritratto dei bei tempi andati. I bei tempi in cui non c’erano internet e i videogames e la sera ci si ritrovava tutti insieme ad ascoltare il nonno che raccontava storie di quando lui era bocia.
I bei tempi del dialetto, i bei tempi delle corse via dai campi dopo aver rubato una pannocchia, i bei tempi di vediamo chio arriva in fondo alla strada senza saltar giù dal muretto…
Bei tempi che sono rimasti incollati alle note di una canzone… nei ricordi delle mamme e dei nonni… e nelle pagine ingiallite dal tempo scritte ancora col pennino e l’inchiostro che se macchiava erano guai…
Buona lettura, e buona traduzione (muahahah, e se non ci riuscite in castigo dietro alla lavagna! )

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Musica. Contrassegna il permalink.

Una risposta a PuLeNta e GaLeNa fReGia

  1. Carlotta ha detto:

    Bella!
    non ci crederai ma so parlare il dialetto, ovvio con qualche imperfezione, ma lo parlare….bella la metafora della candela!un bacione..notte..Ti voglio bene!
     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...